OLYMPUS SAFE ANTISFONDELLAMENTO – SISTEMA CERTIFICATO PRESSO I LABORATORI ISTITUTO GIORDANO SPA

istituto-giordano

 

Il campione sottoposto a prova è costituito da un sistema di contenimento realizzato in fibra di vetro applicato
sull’intradosso di una porzione di solaio in latero-cemento con travetti passo 500 mm, montato su di un
telaio realizzato con tubolari metallici.
Tale sistema di contenimento è composto da:
OLY MESH GLASS 250: rete strutturale preformata in fibra di vetro AR GLASS (alcalino resistente) tessuta
a giro inglese e apprettata con PVA, dimensioni maglia 25 mm × 25 mm;
OLY CONNECT NYLON: con vite 6 × 70 mm;
OLY CONNECT NYLON FLANGIA: flangia realizzata in nylon diametro 60 mm con superficie aggrappante;

 

Antisfondellamento con Malta

APPARECCHIATURA DI PROVA

Per l’esecuzione della prova è stata utilizzata la seguente apparecchiatura:

– simulacro di un solaio in latero cemento, dimensioni 2000 mm × 1600mm, formato da n. 4 travetti in calcestruzzo,
passo 500 mm;
– punzone di spinta in legno multistrato, dimensioni 230 mm × 350 mm e spessore 100 mm;
– sistema pneumatico e oleodinamico di applicazione del carico;
– cella di carico “modello TC4” della ditta AEP Transducers da 25 kN (codice di identificazione interna
dell’apparecchiatura: TER001);
– cella di carico “modello TCE” della ditta AEP Transducers da 50 kN (codice di identificazione interna
dell’apparecchiatura: SC388);
– allestimenti di contrasto alla spinta.
Antisfondellamento Prove

MODALITA’ DI PROVA

La prova è stata effettuata applicando una carico verticale mediante punzone di spinta realizzato in legno
multistrato su una porzione di rete in prossimità del centro del simulacro di solaio. In tale posizione centrale
è stata lasciata un’apertura di dimensioni pari ad un laterizio, in maniera da applicare il carico verticale
direttamente sulla rete in fibra di vetro.
Il carico è stato applicato in modo continuo fino al cedimento della rete in fibra di vetro o di un componente
del sistema di contenimento in prova.
La prova di carico è stata ripetuta tre volte, le prime due prove sono state condotte senza l’applicazione della
malta ma solo su rete in fibra di vetro vincolata, mediante sistema tassello e flangia ai travetti in calcestruzzo
del solaio. Nella terza prova il test di carico è stato condotto sulla rete in fibra di vetro vincolata all’intradosso
del solaio, mediante sistema tassello flangia e intonacata con malta fibro-rinforzata.
In tutte le prove sono stati usati due fogli di rete di larghezza 1 m con sovrapposizione di 15 cm.
Dopo l’applicazione della spinta al centro del solaio fino a cedimento del sistema, la terza prova è proseguita
sollecitando una porzione laterale in prossimità del bordo del solaio.

PDF

VOCE DI CAPITOLATO